Roberto Caielli & Giacomo Infantino / Dallo sguardo alla carta

21-05-2018 14:16

url: permalink

I fotografi Roberto Caielli, in veste di stampatore fine art, e Giacomo Infantino, dialogano sul percorso di un’idea, dallo sguardo attraverso un vetro fino alla texture di una carta artistica della foto stampata, e sul rapporto umano e tecnico tra fotografo e stampatore, alla base di ogni corretta genesi di un’opera.
PARATISSIMA ART FAIR MILANO

https__2F_2Fcdn.evbuc.com_2Fimages_2F44373333_2F252172092106_2F1_2Foriginal.jpgSchermata_2018_05_21_alle_14.13.32_copia.jpg

Studio Brusa Pasquè / La fotografia d'autore incontra l'architettura

10-05-2018 00:11

url: permalink

|

La fotografia d'autore incontra l'architettura

18 Maggio, Via Rainoldi 27, Varese, Piano primo / 10:00 | ORARIO FINE: 19:00

In occasione della giornata Studi Aperti, lo studio Brusa Pasquè di Varese incontra e interagisce con la fotografia d’autore. Il fotografo Roberto Caielli inaugura il suo spazio all’interno dello studio, esponendo due immagini dal progetto “Film landscape”. Con lui dialogano Giuseppe Pagano “Black sun”, Giacomo Infantino “Unreal”, Marco Verdi e Nicola Domaneschi “Flood, medication blues”. Ospite speciale, il fotografo Luca Andreoni espone tre immagini da “The essential beauty”, realizzate al Gallaratese di Aldo Rossi e stampate per l’occasione a pigmenti su carta a mano Tiberi. | Giovedì 17 maggio dalle 18:00 alle 19:00 Luca Andreoni, Elena Brusa Pasqué e Roberto Caielli dialogano su fotografia e architettura, a seguire rinfresco.
Photo courtesy of Luca Andreoni

32559997_10216016668353360_502248897159102464_o.jpgA0002894_95_2.jpg5M1A0093.jpg32754014_102142792_26758_7317874989569409024_o.jpg

Immagini contro il femminicidio A cura di Martina Corgnati e Paola Di Bello

09-05-2018 15:12

url: permalink

|

XXV_ORA__invito_01.jpg

PER TUTTE LE VIOLENZE CONSUMATE SU DI LEI, PER TUTTE LE UMILIAZIONI CHE HA SU­BITO, PER IL SUO CORPO CHE AVETE SFRUTTATO, PER LA SUA INTELLIGENZA CHE AVETE CALPESTATO, PER L’IGNORANZA IN CUI L’AVETE LASCIATA, PER LA LIBERTÀ CHE LE AVETE NEGATO, PER LA BOCCA CHE LE AVETE TAPPATO, PER LE ALI CHE LE AVETE TAGLIATO, PER TUTTO QUESTO: IN PIEDI, SIGNORI, DAVANTI AD UNA DONNA”.

William Shakespeare

Il giorno 22 maggio, alle ore 18, nell'ex Chiesa di San Carpoforo (via Marco Formentini, 14) verrà inaugurata la mostra "XXV ORA!" - Immagini contro il Femminicidio, promossa dall'Associazione Culturale Luna Rosa in collaborazione con l'Accademia di Belle Arti di Brera e il patrocinio del MIBACT.

La mostra presenta le opere di 21 giovani artisti, studenti dell'Accademia e in particolare dei corsi di fotografia, selezionate fra le opere di coloro che hanno aderito all'invito dell'Associazione di realizzare un lavoro dedicato al drammatico tema del femminicidio, problematica che ha assunto i tratti di una vera e propria tragedia nazionale rispetto alla quale servono maggiore informazione, cultura e capacità di distinguere modelli e comportamenti, allontanando la ricorrente tentazione della rimozione della responsabilità.

L'appello promosso dall'Associazione è stato rivolto a tutti gli studenti, un centinaio dei quali hanno presentato progetti sottoposti all'attenzione di una Commissione composta dai proff. Martina Corgnati, Paola Di Bello, Paolo Rosso, da Mario Cresci, fra i maestri della fotografia italiana più attento e sensibile alle tematiche sociali e documentarie e dalla prof. Federica Turco dell'Università di Torino. Fra tutte le opere proposte questa Commissione ha selezionato i lavori che verranno proposti al pubblico nella mostra in oggetto. Fra essi, il giorno 22 maggio, una seconda commissione composta da Lorenza Bravetta (MIBACT), Franco Marrocco (direttore dell'Accademia di Brera), Maurizio Molinari (direttore del quotidiano "La Stampa") e Carmela Sanguedolce, presidente dell'Associazione Luna Rosa, selezioneranno le tre opere vincitrici dei premi acquisto, offerti dalla stessa Associazione.

Le opere e la mostra tutta parlano la lingua dell'arte per rivolgersi alla coscienza civile, alla sensibilità e alla cultura, del pubblico e potenzialmente di tutti, nella convinzione che l'educazione morale, ma anche estetica, possano avere un ruolo importante nel migliorare e rendere più umano il mondo che abitiamo insieme.

Dopo la tappa milanese, la mostra proseguirà per Roma, Firenze e Crotone, dove l'Associazione ha sede.

L’Associazione Culturale “Luna Rosa” promuove, da oltre due anni, la fotografia e le arti visive, in particolare quelle femminili, sostenendo la valorizzazione della fotografia quale vero e proprio bene culturale da tutelare, ed è impegnata ad approfondire tematiche specifiche, inerenti i rapporti fra donna, arte, comunicazione, diritti, sessualità, maternità, lavoro, storia e paesaggio e a rivalutare il contributo femminile nella storia della fotografia e dell'arte contemporanea.

L’Universo femminile costituisce, inoltre, il cuore della collezione fotografica promossa dalla Presidente dell’Associazione, Carmela Sanguedolce, che conta attualmente oltre trecento opere di autrici di primissimo piano, italiane e internazionali. Un impegno a favore della donna nell’arte che Luna Rosa condivide con le principali istituzioni accademiche del Paese, con il sistema scientifico universitario e con le esperienze più innovative dei settori delle produzioni artistiche e dell’industria creativa.

La scelta di dedicare al tema del “Femminicidio” la prima edizione del premio Fotografico Luna Rosa rientra in questa dimensione strategica, volta a favorire una riflessione laica su una vera e propria tragedia nazionale. "Con l’Accademia delle Belle Arti di Brera" - spiega Carmela Sanguedolce - "abbiamo intrapreso un prezioso rapporto di collaborazione, sfociato nell’istituzione di questo premio riservato agli studenti, a coronamento del loro impegno estetico, etico e civile e del loro esercizio di sensibilità creativa. Uno stimolo e un omaggio anche per i giovani provenienti da culture e paesi diversi, che hanno consapevolmente scelto di maturare e realizzarsi attraverso la conoscenza, la cultura e l’arte, condividendo con noi, con illustri esponenti del mondo della fotografia e con donne vittime di violenze, momenti di incontro e di confronto".

Prima commissione selezionatrice

Martina Corgnati

Mario Cresci

Paola Di Bello

Roberto Rosso

Federica Turco



Seconda commissione selezionatrice

Carmela Sanguedolce

Maurizio Molinari

Franco Marrocco

Lorenza Bravetta



“XXV ORA!” - Immagini contro il femminicidio

A cura di Martina Corgnati e Paola Di Bello

Organizzato dall’Associazione Culturale Luna Rosa

Con il patrocinio del MiBact e con la collaborazione dell’Accademia di Belle Arti di Brera

Prize "BìFoto" / International Festival Of Photography in Sardinia.

BìFoto – Festival Internazionale della Fotografia in Sardegna – giunge alla sua ottava edizione. Un traguardo importante che porta con sé entusiasmo ma anche voglia di riflessione.

Questo ottavo appuntamento si pone in linea di continuità con il percorso fin’ora seguito e conferma suo scopo principale la lettura del mondo, il tentativo di comprensione del quotidiano nel suo accadere. Allo stesso tempo, BìFoto alza la posta con un’edizione ancora più attenta alla Fotografia come mezzo privilegiato per scandagliare il mondo. Mantenendo ferma la tradizione, anche questa edizione prende le mosse da un “titolomusicale” e omaggia un grande protagonista italiano. Con “Ma il Cielo è Sempre più Blu” il BìFoto elegge padrino onorario Rino Gaetano, cantautore ironico, ruvido, apparentemente scanzonato ma in realtà acutamente impegnato nella denuncia sociale. Gli stessi aggettivi, la stessa attitudine di Gaetano cercherà di avere questa edizione del Festival, alternando differenti declinazioni della parola Fotografia. “Ma il Cielo è Sempre più Blu”, giocata su spiazzanti parallelismi che leggevano l’Italia degli anni Settanta, si dimostra ancora ferocemente attuale e diventa guida per leggere le contraddizioni non solo di una nazione ma di un’epoca. Una canzone come guida per analizzare un presente che non deve trovarci indifferenti o distanti ma partecipi e attenti e, soprattutto, convinti che, nonostante tutto, il cielo può essere sempre più blu.

Vincitori Premio BìFoto 2018

Rosi Giua – La parola riconquistata
Giacomo Infantino - Unreal
Gigi Murru – A/R
Francesca Pili - Abruxausu
Gian Marco Sanna – Malagrotta
Francesca Porcheddu (Menzione speciale) – The sound of silence
Christian Murgia (Miglior lavoro scuola “La Bottega della Luce”) – Fino alla fine della notte

BìFoto

Schermata_2018_03_18_alle_21.17.05.png

Novegro Photo Day

Novegro Photo Day with Caielli Fine Art Studio

Roberto Caielli
Giorgio Lotti
Giacomo Infantino
Carlo Milani
Alessandra Battaggi

Caielli Fine Art

5M1A8430.jpg5M1A8432.jpg5M1A8433.jpg5M1A8435.jpg26219120_169128650516188_8177264016927976405_n.jpg

CAIELLI FINE ART AT MIA PHOTO FAIR 2018

Caielli Fine Art

Copyright ©Caiellifineart2016, All rights reserved.
www.caiellifineart.it
Via Carrobbio 11 Varese
Our mailing address is:
info@caiellifineart.it

MIA_Photo_Fair_Logo.jpglogo_copia_2__3_.jpegLotti_Zhou_en_Lai_bassa.jpegGiacomo_Infantino_22.jpgMilani_Ilprimobacio.jpegBattaggi_ceramicalago_bassa.jpeg

Inaugurazione della mostra "999 Domande" presso la Triennale di Milano

12-01-2018 21:16

url: permalink

|

Non è una mostra sulla casa del futuro, perché, come ha detto il suo curatore Stefano Mirti, "nel futuro ci siamo già". Ma quella che dal 12 gennaio al 2 aprile apre la stagione 2018 della Triennale di Milano è "una grande indagine sul nuovo concetto di casa, di abitare, di senso di dimora nell'era tra mondo fisico e mondo digitale".

L'esposizione '999', presentata a Milano, è "una collezione di domande sull'abitare contemporaneo". "Una mostra che parte dalle tre grandi innovazioni di questi anni - ha detto Mirti - da quella tecnologica a quella del costume, fino ai cambiamenti del concetto stesso di famiglia e quindi di casa".

Nello spazio al primo piano una cinquantina di co-curatori provenienti da vari ambiti hanno allestito i loro suggerimenti per la casa vissuta da diversi punti di vista. Soluzioni per chi condivide l'abitazione con sconosciuti (l'isolamento acustico, la divisione degli spazi) o la casa vista da chi è malato di Alzheimer o chi in casa ci lavora. Soluzioni artigianali, di laboratorio, una manifattura digitale e con rispetto per l'ambiente. Come il laboratorio sui 'Lari', figure degli spiriti dei defunti tenuti in casa come protezione, reinterpretati in chiave moderna. Apre un'installazione Edison, partner della mostra, con le 999 domande a cui la nuova casa dovrebbe dare delle risposte. Fino ad aprile inoltre un lungo palinsesto di eventi legati alla rassegna.

La Repubblica

Schermata_2018_01_12_alle_21.11.45_copia.jpg135754504_e3a263e4_03b2_42e6_b0c2_aaae3a05467e.jpg

search

pages

loading