04-07-2018 19:09 |

ULTRA // CRONACHE INAUDITE

36667437_390430254697532_2967367255261708288_o.jpg

url: permalink

Voies Off - ImageNation Arles

20-06-2018 00:39

url: permalink

|

123916tAYlZ1Op.jpg

Après une escale à Paris, ImageNation arrive à Arles, dans le cadre de Voies Off Festival, avec un nouvel essai photographique qui se situe à la lisière des rêves, là où le surréalisme et le concret se rencontrent. À travers une série de tableaux intemporels appelant à la contemplation, nous sommes invités à nous séparer un instant de la rationalité pure pour déambuler au sein de paysages imaginaires. Sous le commissariat de Martin Vegas, l'exposition est en quête d'un équilibre entre le rêve et la réalité. Elle explore des manières de mettre à nu des humeurs ainsi qu'une notion de l'intime. ImageNation vous propose une immersion au coeur du travail de 35 artistes talentueux originaires de 17 différents pays, des photographes dont les œuvres sont régulièrement exposées dans le cadre d’événements photographiques d'envergure. After Paris, ImageNation arrives in the heart of Arles, in the frame of the Voies Off Festival, with a new photo essay that lies on the edge of dreams, where the surreal meets the material. A series of timeless pictures, a call for contemplation, an invitation to leave a kind of rationality in order to reach imaginary landscapes which are inner and external landscapes at the same time.
Curated by Martin Vegas, the exhibition strives to create a balance between dream and reality exploring the ways in which they are revealing their own moods and intimacy. ImageNation invites you to enter the visions of 35 talented artists from 17 different countries, whose photographs are regularly exhibited and notably showcased in the most important photo events.

17 Rue des Arenes, Arles​

Vernissage:
Lundi 16 Juillet 2018, 18h / Monday 16th July 2018, 6pm
Entrée Gratuite / ​Free Admission

Opening:
Du Mardi 17 au Dimanche 22 Juillet 2018, de 14h à 19h
From Tuesday 17th to Sunday 22nd July 2018, from 2pm to 7pm
Entrée Gratuite / ​Free Admission


IMAGENATION ARLES

Luna Rosa Prize

09-06-2018 21:07

url: permalink

|

Giacomo_Infantino06.jpg

PHROOM / Dialogue - Roberto Caielli & Giacomo Infantino

28-05-2018 17:33

url: permalink

|

Schermata_2018_05_28_alle_17.14.37_copia.jpgcaiellijesuisaprendre.jpg

Roberto Caielli: We have started working together, you as a photographer and I as a printer. We have begun this mutual dialogue which has become more and more a confrontation about themes and contents. In fact printing also for other people and not just for myself gives me the opportunity to look at the photos I print more deeply and in detail. It is impossible for me as a photographer not to enter the themes and the aesthetic values of an image. In the end rereading this dialogue, we met above all on the deep themes of my photos and yours.

Giacomo Infantino: it is true, printing has somehow fuelled a dialogue that has touched very interesting and deep fields, and the common points of a speech have been very stimulating. Your work on the cinema, Film Landscapes is something original which has impressed me also for my way of thinking and seeing. I clearly remember when we first met in a hot August day, when every place was shut by schorching iron bars, while I was desperately looking for several prints for an exhibition at the earliest. It was there that we started working together, and I’m saying this, because I realized that after the usual compliments, you left the role of the printer and we both started a real editing and reflection on the images that I took to your studio.I think that the prerequisite for a fine art printer consists of being able to read an image in its depth. A very rare dualism which lead me to to reflect upon, as I consider both process to be a sort of essential algorithm.

RC: let’s start from these concepts: idea, print and landscape: printing your latest photos I quite had the feeling of an original glance at a landscape , which is instead usual, habitual and I compared it with my glance as a photographer and printer on it. What is your idea of this landscape that we printed together?

GI: that is right, Roberto, I focussed my work on the Lombard province and the places at its borders.
I wanted to talk about those lands at the edge which apparently seemed plunged in an outward limbo, but which on the contrary reveal a lot of contemporary Italy. It is a liquid landscape, to quote Baumann, where the town itself decentralises its focal point to more and more flexible and changeable new landscapes. It widens into the province, expanding and resulting in changes, innovations, opportunities, but also deterioration at the same time. As a result we are being led to a constant change which is actually flattening. As a consequence the landscape is changing, like an inner psychosis between man and and the environment. My landscape loses its identity. It could be everywhere: Nebraska, North Dakota or anywhere , but it is Varese. For these reasons every landscape can be another place. With my photos I am going to communicate my sensation and view of this status quo, apparently under control whose tension, nevertheless, lots of us feel.
A lot of alienated and emotionless characters merge into this landscape. I often play the part of the actor and I feel like I am in a film by Antonioni, whenever I shoot. At the same time I see my photos printed throughout your interpretation. We chose matt cotton paper which conveyed smoothness to the tones, in order to objectify the underlying idea. It gave concrete form to an idea and an image. It gave back its function. Hence the dialogue with your work on the cinema and video arises.

RC: Film landscapes are very simply the photo of a film. I consider the film literally a landscape that has a spacial dimension ( the monitor, the movie screen) and the duration.
At the beginning I tried to photograph the whole film, from its beginning to the end with one shot at a very long exposure. Then I started working on fragments, on video art, on amateur videos and on short self made videos. Why the film? Because it is a part of my story and my culture more than the places. I grew up by watching Fuori Orario, hosted by Ghezzi on Rai 3 at night. It broadcasted amazing films, pearls of the 1920s, or Tarkovskij’s epigones in Eastern European countries. For me the arrival of the video recorder was something exceptional, It had a key role in my life. I could record and rewatch my favourite film at any time.
This gave the film a nearly superior value, because you were fully involved. The landscape created on television, which you could always reach , where you could always come back if you needed, or wished, was much more interesting than a beautiful real landscape.
Whereas, the use of pinhole was merely a technical requirement , not the only one I made use of, to have the chance of very long exposures.
The meaning of creating a film landscape is also to take possession of a landscape you desire but don’t have. I can photograph Alaska, or Antarctica even if I have never been there. Moreover, the film Landscape gives the film a continuity in addition to its existence while you are watching it. You can hang up the whole Shining in your sitting room, or you can say you have watched porn in a single glance without knowing it. I have hung a classic film with Brigitte Lahaie on my bedroom wall, over the bed and it works very well.
GI: but why would you photograph a film and print it, giving it an its own substance beyond?

RC: Reality is fluctuating, contemporaneity is fluctuating and in some ways the landscape, as well. The photographs of Film Landscapes are for example a timeless landscape, because I can photograph a film from the fifties and it becomes my absolutely contemporary landscape. The film landscape, if you like, is abstract at the same time, but this abstraction is not distortion or pictorial interpretation of reality. It is rather an answer of the subjective look on the landscape. I want my photo to be itself a disturbing landscape that has some relation with unconsciousness, dream, with something secret, interior, silent, unrestrained.
As Sergio Germani, the great film critic wrote about my photos to films, the bodies, hectic and disturbing soul of the film scene, fade away (think of an actress with an overwhelming personality and look) it remains a visual trace determined by what in the film is instead a visual background, less mobile. And this is often the landscape. They are landscapes, like the Amazon River in Aguirre the Wrath of God , or in the case of the latest Film Landscapes, obtained by short videos I made along the Toce river. They are mountains, like in the photo to Johnny Guitar by Nicholas Ray or The Shining by Kubrick, in which Jack Torrence’s family long double steep ascent by car across the mountains highlights the floating and cryptic landscape full of omens.
The meaning of the relation between the film landscape / monitor and the photograph/print is even clearer in the act of extrapolating single frames from a film or a video , manipulating them digitally choosing only a small part of the frame that identifies individual and photographic characters and then print them on fine art paper. In this case printing the manipulated frame acquires, in contrast to film Landscapes, a nearly fetishist value, transforming a static object into something born to be movement.
Then it has come out also for you this idea of a landscape which is mediated by the habit of watching a monitor, a film , the web, an eBook. As you know I am interested in this, because I consider what happens in the monitor a landscape itself. How does it happen in your photos?

GI: for me photography has always been affected by cinema and viceversa. You just have to remember Antonioni films , i.e. Deserto Rosso (1964) a feature film of the utmost importance, which contributed to giving shape to the new Contemporary Italian landscape.
It is about a symptom of alienation and fear of the landscape, which has become difficult to understand and unrecognizable.
Today thanks to new technologies, photography has become a usable means, mainly by a monitor and it has modified our way of living and reading an image completely. Therefore, it is unavoidable for a digital native like me or even more for the new generations to approach to the screen and the film world. We are more and more feeding ourselves on it and are completely absorbed by it.
In my photos there is the function of breaking away from reality and an objective landscape. Hence there is the need to mediate between an often intimate idea and the space of the film in which we project ourselves. For this need, in a lot of cases of the self portrait in which I try to have a less objective and more introspective idea of myself. A liquid landscape without any borders and virgin. This space is in itself the landscape in which we can alter time and the most straightforward dynamics and approaching to it we can dive into what we want it to be.

View Article on PHROOM

Casamatta - Workshop #1 | Ecosistema Olona: Lettura territoriale

23-05-2018 22:31

url: permalink

|

32349934_470878300011816_7244053937794318336_o.jpg

Il workshop (Modulo 1 e Modulo 2) si colloca all’interno di un processo di ri-costruzione di senso e rafforzamento della comunità avviato dal centro di volontariato ambientale Casamatta, di proprietà di Legambiente, situato nel suggestivo borgo dei Molini di Gurone a Malnate (Varese).

MODULO 1 | ECOSISTEMA OLONA: lettura territoriale
Urbanistica, Soundscape, Fotografia
15/16/17 Giugno 2018 - Molini di Gurone (Varese)

Questo workshop vuole descrivere il delicato paesaggio della valle del fiume Olona attraverso un’attività di ascolto sensibile e immaginarne uno sviluppo sostenibile in dialogo con gli attori che contribuiscono quotidianamente alla sua costruzione - amministratori, imprese, associazioni e cittadini.
Fin dal Medioevo, l'Olona è punteggiato di numerosi mulini che ne sfruttano l’energia; durante la rivoluzione industriale le piccole manifatture esistenti diventano importanti opifici. Trasformatosi negli anni in uno dei fiumi più inquinati d’Italia, l’Olona rappresenta oggi un retro, una “ferita” per il territorio, ma anche un luogo oggi rinaturalizzato e bonificato, da riscoprire e mettere al centro di nuove relazioni locali.

Chi sono, oggi, gli attori del paesaggio? Come viene percepito il territorio da chi vi abita e lavora? Qual è la nostra relazione con il paesaggio della vita quotidiana?
Tre discipline (Urbanistica, Soundscape, Fotografia) si intrecciano per una lettura complessa di un paesaggio che ha subito notevoli modifiche nel corso degli ultimi 50 anni: creazione della vasca di laminazione, cambiamento dell’alveo del fiume, abbandono della ferrovia, fabbriche e mulini chiusi, realizzazione di nuove infrastrutture.

OBIETTIVI FORMATIVI
Il Modulo #1 si propone di creare e consolidare una competenza nella lettura paesaggistica e territoriale attraverso un'analisi multidisciplinare. La lettura territoriale sul campo avverrà attraverso due recettori: Soundscape e Fotografia. Le due discipline interagiranno con l’Urbanistica, per rielaborare in chiave progettuale i dati raccolti.
L'obiettivo è la trasformazione e risignificazione di un luogo definito per anni ‘ecomostro’, partendo anche dal rinnovato interesse verso l’area della valle Olona. L'ottica non è quella di tutela di un paesaggio ormai devastato, ma di ricostruzione di un precario equilibrio.

DOCENTI
• Urbanistica
Prof. Arturo Lanzani (Politecnico di Milano)
Cristiana Mattioli (Politecnico di Milano)
• Soundscape
Lucio Visintini
Tutor: Marco Verdi
• Fotografia
Roberto Caielli
Tutor: Giacomo Infantino

casamattagurone.wordpress.com

EXIBART / Immagini contro il femminicidio

23-05-2018 20:47

url: permalink

|

Schermata_2018_05_23_alle_20.44.42_copia.jpg

Articolo tratto da EXIBART, 23/05/2018.
Luna Rosa, associazione che, da oltre due anni, promuove la fotografia e le arti visive come strumento culturale, ha istituito, in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Brera e con il patrocinio del MIBACT, il concorso "Luna Rosa contro il feminicidio”, il primo premio fotografico dedicato a un tema quanto mai attuale, una tragedia che necessita di una maggiore attenzione, per sensibilizzare l’opinione pubblica.
La presidente Carmela Sanguedolce, particolarmente interessata a favorire la fotografia e il ruolo femminile nelle arti visive, insieme a Martina Corgnati, storica dell’arte e docente all’Accademia di Brera, Mario Cresci, fotografo, Roberto Rosso, direttore del Dipartimento di Nuove Tecnologie di Brera, Paola di Bello, direttrice del Biennio specialistico di Fotografia a Brera, e Federica Turco, semiologa, ha selezionato 21 opere di giovani artisti, tutti studenti di Brera, dai 100 che hanno aderito al concorso. I tre vincitori, nominati da una seconda commissione, composta da Carmela Sanguedolce, Franco Marrocco, direttore dell’Accademia di Brera, Maurizio Molinari, direttore del quotidiano La Stampa e Lorenza Bravetta, sono stati annunciati ieri sera, in occasione del vernissage della mostra itinerante, a cura di Paola di Bello e Martina Corgnati, ospitata nella suggestiva cornice dell’ex chiesa di San Carpoforo, in via Marco Formentini, a pochi passi dall’Accademia di Brera.
Il terzo premio è stato attribuito a Federica Boffo (Napoli,1989), con Tutte le volte che non ti ho guardata, un’immagine struggente di una mimosa che muore, contro una tragedia annunciata che si consuma spesso tra le mura domestiche o a opera di uomini moto vicini alle vittime. Basta questo fiore simbolico della festa della donna, per evocare la morte fisica e psicologica senza mostrare il corpo che ha subito la violenza. Il secondo premio l’ha meritato Giacomo Infantino (Varese, 1993), con Arisen my Sens, l’immagine di una donna nascosta dietro un velo bianco con la bocca scoperta, dalla quale germogliano fiori secchi rosa. Una natura morta, apparentemente silente ma che urla vendetta conto l’annullamento dell’identità fisica e psicologica della donna. Ha vinto il primo premio Margarita Egorova (San Pietroburgo, 1986), con l’opera ermetica dal titolo Angela B: dodici quadrati rosa, pixel che rappresentano l’ingrandimento del volto di una giovane donna uccisa a colpi di machete nel quartiere Mandacaru di Joao Pessoa, Brasile, il 12 settembre 2012. Ogni pixel corrisponde a un tono di rosa della palette, in cui i codici RGB sono stati mantenuti, mentre i termini identificativi sono stati sostituiti con parole che evocano il vero contenuto dell’immagine, senza rappresentare il fatto cruento. Un’opera rigorosamente concettuale, contro la morbosità e la pornografia mediatica che, inevitabilmente, il tema del femminicidio genera, a favore della dignità della donna vittima anche della spettacolarizzazione dello stupro, offerto allo sguardo dell’uomo voyeur diffuso in rete.
Meritano attenzione anche le altre fotografie, con o senza corpi, cariche di simboli e metafore, che pongono riflessioni urgenti e rinviano a significati plurimi e domande, perché indignarsi non basta, è tempo di agire, denunciare, punire e, al contempo, educare gli uomini di qualunque età a rispettare le donne. (Jacqueline Ceresoli)

Roberto Caielli & Giacomo Infantino / Dallo sguardo alla carta

21-05-2018 14:16

url: permalink

|

https__2F_2Fcdn.evbuc.com_2Fimages_2F44373333_2F252172092106_2F1_2Foriginal.jpgSchermata_2018_05_21_alle_14.13.32_copia.jpg

I fotografi Roberto Caielli, in veste di stampatore fine art, e Giacomo Infantino, dialogano sul percorso di un’idea, dallo sguardo attraverso un vetro fino alla texture di una carta artistica della foto stampata, e sul rapporto umano e tecnico tra fotografo e stampatore, alla base di ogni corretta genesi di un’opera.
PARATISSIMA ART FAIR MILANO

Studio Brusa Pasquè / La fotografia d'autore incontra l'architettura

10-05-2018 00:11

url: permalink

|

La fotografia d'autore incontra l'architettura

18 Maggio, Via Rainoldi 27, Varese, Piano primo / 10:00 | ORARIO FINE: 19:00

In occasione della giornata Studi Aperti, lo studio Brusa Pasquè di Varese incontra e interagisce con la fotografia d’autore. Il fotografo Roberto Caielli inaugura il suo spazio all’interno dello studio, esponendo due immagini dal progetto “Film landscape”. Con lui dialogano Giuseppe Pagano “Black sun”, Giacomo Infantino “Unreal”, Marco Verdi e Nicola Domaneschi “Flood, medication blues”. Ospite speciale, il fotografo Luca Andreoni espone tre immagini da “The essential beauty”, realizzate al Gallaratese di Aldo Rossi e stampate per l’occasione a pigmenti su carta a mano Tiberi. | Giovedì 17 maggio dalle 18:00 alle 19:00 Luca Andreoni, Elena Brusa Pasqué e Roberto Caielli dialogano su fotografia e architettura, a seguire rinfresco.
Photo courtesy of Luca Andreoni

32559997_10216016668353360_502248897159102464_o.jpgA0002894_95_2.jpg5M1A0093.jpg32754014_102142792_26758_7317874989569409024_o.jpg

Immagini contro il femminicidio A cura di Martina Corgnati e Paola Di Bello

09-05-2018 15:12

url: permalink

|

XXV_ORA__invito_01.jpg

PER TUTTE LE VIOLENZE CONSUMATE SU DI LEI, PER TUTTE LE UMILIAZIONI CHE HA SU­BITO, PER IL SUO CORPO CHE AVETE SFRUTTATO, PER LA SUA INTELLIGENZA CHE AVETE CALPESTATO, PER L’IGNORANZA IN CUI L’AVETE LASCIATA, PER LA LIBERTÀ CHE LE AVETE NEGATO, PER LA BOCCA CHE LE AVETE TAPPATO, PER LE ALI CHE LE AVETE TAGLIATO, PER TUTTO QUESTO: IN PIEDI, SIGNORI, DAVANTI AD UNA DONNA”.

William Shakespeare

Il giorno 22 maggio, alle ore 18, nell'ex Chiesa di San Carpoforo (via Marco Formentini, 14) verrà inaugurata la mostra "XXV ORA!" - Immagini contro il Femminicidio, promossa dall'Associazione Culturale Luna Rosa in collaborazione con l'Accademia di Belle Arti di Brera e il patrocinio del MIBACT.

La mostra presenta le opere di 21 giovani artisti, studenti dell'Accademia e in particolare dei corsi di fotografia, selezionate fra le opere di coloro che hanno aderito all'invito dell'Associazione di realizzare un lavoro dedicato al drammatico tema del femminicidio, problematica che ha assunto i tratti di una vera e propria tragedia nazionale rispetto alla quale servono maggiore informazione, cultura e capacità di distinguere modelli e comportamenti, allontanando la ricorrente tentazione della rimozione della responsabilità.

L'appello promosso dall'Associazione è stato rivolto a tutti gli studenti, un centinaio dei quali hanno presentato progetti sottoposti all'attenzione di una Commissione composta dai proff. Martina Corgnati, Paola Di Bello, Paolo Rosso, da Mario Cresci, fra i maestri della fotografia italiana più attento e sensibile alle tematiche sociali e documentarie e dalla prof. Federica Turco dell'Università di Torino. Fra tutte le opere proposte questa Commissione ha selezionato i lavori che verranno proposti al pubblico nella mostra in oggetto. Fra essi, il giorno 22 maggio, una seconda commissione composta da Lorenza Bravetta (MIBACT), Franco Marrocco (direttore dell'Accademia di Brera), Maurizio Molinari (direttore del quotidiano "La Stampa") e Carmela Sanguedolce, presidente dell'Associazione Luna Rosa, selezioneranno le tre opere vincitrici dei premi acquisto, offerti dalla stessa Associazione.

Le opere e la mostra tutta parlano la lingua dell'arte per rivolgersi alla coscienza civile, alla sensibilità e alla cultura, del pubblico e potenzialmente di tutti, nella convinzione che l'educazione morale, ma anche estetica, possano avere un ruolo importante nel migliorare e rendere più umano il mondo che abitiamo insieme.

Dopo la tappa milanese, la mostra proseguirà per Roma, Firenze e Crotone, dove l'Associazione ha sede.

L’Associazione Culturale “Luna Rosa” promuove, da oltre due anni, la fotografia e le arti visive, in particolare quelle femminili, sostenendo la valorizzazione della fotografia quale vero e proprio bene culturale da tutelare, ed è impegnata ad approfondire tematiche specifiche, inerenti i rapporti fra donna, arte, comunicazione, diritti, sessualità, maternità, lavoro, storia e paesaggio e a rivalutare il contributo femminile nella storia della fotografia e dell'arte contemporanea.

L’Universo femminile costituisce, inoltre, il cuore della collezione fotografica promossa dalla Presidente dell’Associazione, Carmela Sanguedolce, che conta attualmente oltre trecento opere di autrici di primissimo piano, italiane e internazionali. Un impegno a favore della donna nell’arte che Luna Rosa condivide con le principali istituzioni accademiche del Paese, con il sistema scientifico universitario e con le esperienze più innovative dei settori delle produzioni artistiche e dell’industria creativa.

La scelta di dedicare al tema del “Femminicidio” la prima edizione del premio Fotografico Luna Rosa rientra in questa dimensione strategica, volta a favorire una riflessione laica su una vera e propria tragedia nazionale. "Con l’Accademia delle Belle Arti di Brera" - spiega Carmela Sanguedolce - "abbiamo intrapreso un prezioso rapporto di collaborazione, sfociato nell’istituzione di questo premio riservato agli studenti, a coronamento del loro impegno estetico, etico e civile e del loro esercizio di sensibilità creativa. Uno stimolo e un omaggio anche per i giovani provenienti da culture e paesi diversi, che hanno consapevolmente scelto di maturare e realizzarsi attraverso la conoscenza, la cultura e l’arte, condividendo con noi, con illustri esponenti del mondo della fotografia e con donne vittime di violenze, momenti di incontro e di confronto".

Prima commissione selezionatrice

Martina Corgnati

Mario Cresci

Paola Di Bello

Roberto Rosso

Federica Turco



Seconda commissione selezionatrice

Carmela Sanguedolce

Maurizio Molinari

Franco Marrocco

Lorenza Bravetta



“XXV ORA!” - Immagini contro il femminicidio

A cura di Martina Corgnati e Paola Di Bello

Organizzato dall’Associazione Culturale Luna Rosa

Con il patrocinio del MiBact e con la collaborazione dell’Accademia di Belle Arti di Brera

search

pages

loading