GIACOMO INFANTINO
Preja Buia
1 / 34 ‹   › ‹  1 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
2 / 34 ‹   › ‹  2 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
3 / 34 ‹   › ‹  3 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
4 / 34 ‹   › ‹  4 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
5 / 34 ‹   › ‹  5 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
6 / 34 ‹   › ‹  6 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
7 / 34 ‹   › ‹  7 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
8 / 34 ‹   › ‹  8 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
9 / 34 ‹   › ‹  9 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
10 / 34 ‹   › ‹  10 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
11 / 34 ‹   › ‹  11 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
12 / 34 ‹   › ‹  12 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
13 / 34 ‹   › ‹  13 / 34  › pause play enlarge slideshowhd

"La spiegazione storica, come ipotesi di sviluppo è solo un modo di raccogliere i dati… è ugualmente possibile vedere i dati nella loro relazione reciproca e riassumerli in un’immagine generale… una rappresentazione "perspicua"… essa ha un’importanza fondamentale… designa la nostra forma di rappresentazione, il modo in cui vediamo le cose… essa media la comprensione, che consiste appunto nel vedere le connessioni…" 

Note sul «Ramo d'oro» di Frazer
Ludwig Wittgenstein 
Ed. Adelphi pp. 28–30.
14 / 34 ‹   › ‹  14 / 34  › pause play enlarge slideshowhd

"La spiegazione storica, come ipotesi di sviluppo è solo un modo di raccogliere i dati… è ugualmente possibile vedere i dati nella loro relazione reciproca e riassumerli in un’immagine generale… una rappresentazione "perspicua"… essa ha un’importanza fondamentale… designa la nostra forma di rappresentazione, il modo in cui vediamo le cose… essa media la comprensione, che consiste appunto nel vedere le connessioni…"

Note sul «Ramo d'oro» di Frazer
Ludwig Wittgenstein
Ed. Adelphi pp. 28–30.
Preja Buia
15 / 34 ‹   › ‹  15 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
16 / 34 ‹   › ‹  16 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
17 / 34 ‹   › ‹  17 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
18 / 34 ‹   › ‹  18 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
19 / 34 ‹   › ‹  19 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
20 / 34 ‹   › ‹  20 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
21 / 34 ‹   › ‹  21 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
22 / 34 ‹   › ‹  22 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
23 / 34 ‹   › ‹  23 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
24 / 34 ‹   › ‹  24 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
25 / 34 ‹   › ‹  25 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
26 / 34 ‹   › ‹  26 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
27 / 34 ‹   › ‹  27 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
28 / 34 ‹   › ‹  28 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
29 / 34 ‹   › ‹  29 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
30 / 34 ‹   › ‹  30 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
31 / 34 ‹   › ‹  31 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
32 / 34 ‹   › ‹  32 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
33 / 34 ‹   › ‹  33 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
34 / 34 ‹   › ‹  34 / 34  › pause play enlarge slideshowhd
Preja Buia
2020

Preja Buja è un'indagine aperta lungo i territori della regione prealpina del Nord Italia, di quella Svizzera del Canton Ticino e del territorio Umbro. Il significante del naturale, i territori di confine, la relazione effimera tra luoghi dal retaggio preistorico, è rielaborato attraverso una disposizione di fascinazione del mito, del paesaggio e dell'uomo stesso. Il lavoro, ponendosi come dialogo tra inconscio e suggestione dell'individuo, si configura attraverso una dimensione ampia e sfaccettata creando interstizi di significato, sopravvivenze atte all'esplorazione cosmogonica del mito, della favola, tra l'arcaico e il contemporaneo.

In Preja Buia, nome derivato da un masso erratico della provincia di Varese, diviene la chiave di lettura di un territorio antico, messo in forte crisi dalla coesistenza duale tra una natura antropizzata e di una mutata; la fascinazione incontra dunque la corrispondenza tra le parti, crea un nuovo linguaggio dialogico per la creazione di nuovi miti, nuovi stilemi, flessibili e totalmente fluidi confluenti in un abbraccio tra l'oggettività e il pensiero.

Attraverso prospettive oniriche, indagini informali e installazioni di luce sul territorio ho cercato di restituire un’ipotetica dimensione altra del paesaggio stesso in grado di slegarsi da una logica strutturale, ma che al contempo sia in grado di poterla plasmare attraverso la fusione di elementi caratteristici, ossia quegli aspetti culturali scomponibili, già assimilati ma fortemente mutabili, di ciò che costituisce oggi il senso di abitare un luogo, esperirlo, viverlo.
Link
https://www.giacomoinfantino.com/preja_buia-p21270

Share link on
CLOSE
loading